MURDER THE MOUNTAINS BY RED FANG

I Red Fang sono un gruppo stoner metal americano formato nel 2005 e composto da un chitarrista e vocalist Bryan Giles, bassista e vocalist Aaron Beam, chitarrista David Sullivan ed il batterista  John Sherman. In questi 12 anni di attività, hanno registrato 4 album: Red Fang nel 2009, Murder the Mountains nel 2011, Whales and Leeches nel 2013 e Only Ghosts nel 2016. Dal 2011 hanno partecipato e aperto diverse manifestazioni di rilievo nella scena musicale metal come l’annuale Rockstar Energy Drink Mayhem Festival nel 2011 e, nello stesso anno, il tour dei Mastodon negli Stati Uniti ed in Europa. Nel 2013 sono andati in Australia a suonare al Soundwave Festival, famosa manifestazione alla quale hanno partecipato band come The Offsprings, Incubus, Alice in Chains, Faith No More, Bloodhound Gang, Soundgarden e molti altri.

1383769049mzd.jpg

Murder the Mountains è il secondo album studio della band e la canzone “Wires” è stata utilizzata anche nell’episodio 211 dello show canadese “Todd and the Book of Pure Evil”. Potete trovare su YouTube i video di “Wires” e “Hank is Dead”, contraddistinti dai fiumi di birra ed idiozia che non sono mai mancati a partire dal loro primo singolo.

 

Nonostante sia stato definito un album “sottotono” rispetto a quello di esordio, le prime 4 canzoni della track list sono indubbiamente potenti e non possono che risultare ben orchestrare alle orecchie di un amante (e non) del genere. “Malverde” rotola indisturbata sul suo ritmo in tempi dispari; Wires parte con un riff di chitarra deciso e netto che apre la strada ad un’armonia di distorsioni. Throw Up è un pezzo che fa sentire tutta la pesantezza dei due generi mixati facendo prevalere l’animo stoner nel metronomo e nel timbro cupo. Dopo 6 minuti di pezzo, ecco che la  traccia  successiva è un missile di poco più di 2 minuti hard rock/metal, Painted Parade.

Un album interessante che può piacere anche ai non amanti del genere. I Red Fang si fanno apprezzare veramente durante i live [piccola parentesi: sono stata a sentirli nella unica data italiana a Livorno nel 2015, sono rimasta senza parole dalla loro bravura e precisione] ma non solo. La loro filosofia di vita è ammirevole: suonare per divertirsi prima di tutto, prendersi poco sul serio e fare quello che piace a loro. Il genere che praticano è inflazionato ed è difficile inserire qualche novità senza diventare comunque ridicoli o esagerati. Infatti loro non aggiungono e nemmeno tolgono niente con il loro stile. Il bello sta nel fare musica che tutti fanno (o ci provano, almeno) ma attrarre comunque l’attenzione.

1383769312mzd.jpg

Un ascolto consigliato senza dubbio, come consigliata è anche la visione dei pochi video ufficiali, semplici ma divertentissimi.

 

Buon ascolto,

Aislin O’ Reilly

I NOSTRI SOCIAL

FACEBOOK: @TheReviewersBlog

INSTAGRAM: @the._.reviewers

TWITTER: @thereviewers10

GOOGLE +: The Reviewers Tudor

SPOTIFY: @TheReviewers

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: